Oratorio Salesiano

Domenico     Savio

 

Centro Prima Accoglienza Savio

Associazione di Volontariato - Onlus

Via Lenzi, 24 - 98122 Messina
tel.090771495 - 090717348

 

 
 

 

Il Centro Prima Accoglienza Savio (CePAS), promosso e realizzato dai Salesiani del Savio di Messina, è un'associazione di volontariato, democratica, apartitica e senza fini di lucro che da oltre 12 anni svolge attività di prevenzione del disagio e di recupero dell'emarginazione giovanile a Messina, in Sicilia e in Calabria. Interviene operando per il superamento di situazioni di disagio fisico-economico, sociale, scolastico, familiare ed assistenziale. Il Centro, che si ispira al sistema pedagogico preventivo di Don Bosco, è particolarmente impegnato a costruire e favorire la qualità della vita, intesa come valore di realizzazione nella libertà e nella responsabilità in un contesto sociale che promuove la dignità globale della persona umana. Il Centro con i suoi circa 60 volontari - salesiani e laici variamente coinvolti - è fattivamente impegnato in un servizio, ampio e a diversi livelli.

 

----------

 

Percorsi metodologici

 

ll CePAS centra la sua attenzione preventiva e riabilitativa su alcuni percorsi metodologici che sembrano fondanti:

  • accoglienza, intesa come incontro e ascolto del vissuto della persona;

  • comunicazione tra persone, cioè attenzione e considerazione dell'altro che è persona che esiste, che vale e che esprime bisogno di aiuto;

  • autocoscienza, cioè impegno a capire la propria storia per coglierne i vari aspetti, le responsabilità reali e i condizionamenti;

  • progettualità, cioè passaggio dal "vivere seduti" ad un "vivere alzati" con uno sforzo di decisionalità operativa e concreta.

INTERVENTO come: <<strategia di ambiente e rete di integrazione>>

Il CePAS è un insieme di servizi e di strutture per la prevenzione, la prima accoglienza e la cura del disagio giovanile.

 

Strategia di ambiente: Caratteristica di questa struttura e servizi, da un lato la condivisione, il senso di appartenenza , la gratuità e la passione per i giovani, dall'altro la formazione degli operatori-volontari impegnati ad acquisire una professionalità.

Nella esplicitazione del suo servizio il CePAS privilegia e dà particolare significato alla realizzazione di "un ambiente fisico-morale" - ricco di dinamismo e di valori e della presenza attenta di tanti educatori/volontari - che attraverso l'attività dello sport, del teatro, della musica e la vitalità di tanti giovani sani diventa spazio di vita e di qualità di vita per tanti "minori della soglia".

 

----------

 

Rete di integrazione: Riteniamo importante e caratterizzante il nostro Centro, intendendere la nostra azione come una presenza che, pur nella diversità e specificità e autonomia, interagisce con la “città” con le forze delle istituzioni, degli organismi pubblici, con il privato sociale e con il volontariato. E’ nostra convinzione che nella integrazione socio-politica delle forze vive della città che si potrà costruire una cultura sociale e quindi una qualità della vita per tutti.

 

Aree di intervento

 

Il Centro si pone come servizio di accoglienza, intesa come presenza, ascolto, interessamento fattivo e accompagnamento dei giovani e dei loro genitori schiacciati dai problemi che riguardano la tossicodipendenza, l'omosessualità, la fuga, la sieropositività, l'aborto giovanile, il suicidio, l'alcolismo, l'abuso sessuale dei figli in famiglia. Per questo il CePAS è impegnato e svolge il suo servizio in quattro aree:

  • area formazione

  • area prevenzione e animazione socio educativa

  • area recupero e reinserimento

  • area ascolto e informazione.

Concretamente il CePAS-Oratorio Salesiano realizza da diversi anni i seguenti “progetti di intervento”:

 

Progetto “ spazi di accoglienza-aggregazione e formazione": ogni giorno nel cortile e nelle sale del Centro hanno spazio di realizzazione attività sportive e ricreative - libere e organizzate: calcio, calcetto, pallavolo, basket, tennis da tavolo, scacchi, dama chitarra, teatro, musica. Inoltre sono contemplati momenti di formazione e di preghiera.

 

Progetto “incontri colloqui”: ogni giorno al Centro per i giovani, e per le loro famiglie c’è possibilità di incontri singoli, colloqui e spazi esperienziali di contatto con se stesso - a gruppo e/o singolo.

Progetto “scuola- famiglia”: il progetto, attraverso quattro momenti di realizzazione, coinvolge insegnanti della scuola elementare e della scuola media della città di Messina con gli alunni e i loro genitori.

 

Progetto “Laboratorio fotografico”: il laboratorio “imparare a fotografare per scoprire la vita”, vuole essere una esperienza di vita e di formazione che stimolando l’acquisizione delle capacità di fotografare, favorisca l’introspezione e la presa di coscienza di sé, in una “messa a fuoco” ed elaborazione del proprio vissuti

 

Progetto “fratelli AIDS”: dare ascolto e considerazione agli ammalati di AIDS è una esigenza di solidarietà e di comunione con chi soffre. Presenza di assistenza e di comunione agli ammalati presso l’Ospedale Regina Margherita e a casa.

 

Progetto Ascolto “Telefono Pronto”: Il fenomeno della solitudine diventa sempre più diffuso e grave. Il “ Telefono Pronto“ vuole essere un ascolto per dire una parola e per comunicare. Numero telefono 090 - 717271 ore 17.00 - 20.00, tutti i giorni anche festivi

 

Progetto “Laboratorio di Estetismo”: La scoperta del corpo certamente facilità lo star bene con se stessi a livello anche esistenziale

 

Progetto “Scuola Genitori”: Incontri sistematici con stile vario e diversificato coinvolgendo i genitori delle scuole della città a allo scopo di vivere e gestire la molteplicità dei fenomeni di coppia, familiari ed educativi

 

Progetto “Laboratorio teatrale e di espressività”: In una società che spesso “recita” ed è difficile “esprimersi” il laboratorio vuole essere una esperienza di valida comunicazione ricca di contenuti, di emozioni e di autentiche relazioni interpersonali.

 

Progetto “Laboratorio Informagiovani”: Il laboratorio si propone come servizio sociale di osservatorio, di informazione e di educazione al lavoro, al tempo libero e alla capacità di auto-costruzione di se stesso in un dialogo di conoscenza, di analisi e di scelta nella realtà della vita

 

Workshop: Ogni anno si realizza un seminario di studio a livello cittadino per un coinvolgimento scientifico socio-politico dei problemi che toccano i giovani e la loro qualità di vita.

Volontariato